Come chiedere la conversione del pignoramento.

Chiedendo la conversione del pignoramento il debitore esecutato ha la possibilità di sostituire all’immobile pignorato (o in generale ai beni oggetto di pignoramento) una somma di denaro pari all’importo dovuto al creditore, ed eventualmente ai creditori intervenuti. Tale importo deve necessariamente essere comprensivo delle spese della procedura esecutiva e degli interessi.
Per chiedere la conversione del pignoramento, il debitore deve depositare un’apposita istanza prima che sia disposta la vendita, o comunque prima che siano delegate le operazioni di vendita a un professionista nominato dal giudice.
A pena di inammissibilità, insieme all’istanza deve essere depositata nella cancelleria del Tribunale una somma non inferiore ad un quinto dell’importo del credito così come indicato nell’atto di precetto e di pignoramento (e nel caso vi siano creditori intervenuti sarà necessario tenere in considerazione anche i crediti di questi ultimi, indicati nei rispettivi atti di intervento).
Il versamento avviene presso un istituto bancario che può essere scelto liberamente dal debitore. Qui sarà aperto un libretto bancario intestato alla procedura esecutiva e le cui somme saranno vincolate agli ordini del Giudice.
La quantificazione della suddetta somma viene determinata dal Giudice, con ordinanza. Ciò deve avvenire non oltre 30 giorni da quando il debitore deposita l’istanza di conversione.
Dopo il versamento di un quinto del credito, su richiesta del debitore le restanti somme potranno essere versate in un massimo di 18 rate mensili, in questo modo la procedura rimane sospesa e si eviterà che l’immobile sia venduto. Tuttavia bisogna fare attenzione, infatti se il debitore omette il pagamento anche di una sola rata o ritarderà il pagamento di oltre 15 giorni, verrà meno il beneficio della conversione, e di conseguenza la procedura esecutiva riprenderà il suo corso e il Giudice potrà disporre la vendita del bene.

RICHIEDI UNA CONSULENZA SU QUESTO ARGOMENTO
2017-10-13T10:33:23+00:0010 Settembre 2016|Procedure Esecutive|

Scrivi un commento